Archivi tag: Costituzione

Don Chisciotte contro gli immigrati: il Decreto Sicurezza – parte II

Il 3 dicembre 2018 la Gazzetta Ufficiale vede l’apparizione di un testo che probabilmente segnerà un punto tremendamente importante della storia italiana. Si scrive “decreto-legge 4 ottobre 2018, n. 113 (in Gazzetta Ufficiale – Serie generale – n. 231 del 4 ottobre 2018), coordinato con la legge di conversione 1º dicembre 2018, n. 132”, si legge “Decreto sicurezza” e si traduce in una norma pericolosa per l’integrità costituzionale e umanitaria del nostro Paese.

Continua a leggere

Don Chisciotte contro gli immigrati: il Decreto Sicurezza

Il 3 dicembre 2018 la Gazzetta Ufficiale vede l’apparizione di un testo che probabilmente segnerà un punto tremendamente importante della storia italiana. Si scrive “decreto-legge 4 ottobre 2018, n. 113 (in Gazzetta Ufficiale – Serie generale – n. 231 del 4 ottobre 2018), coordinato con la legge di conversione 1º dicembre 2018, n. 132”, si legge “Decreto sicurezza” e si traduce in una norma pericolosa per l’integrità costituzionale e umanitaria del nostro Paese.

Continua a leggere

Buona Festa della Repubblica, Signora mia

Evitiamo la polemica. Almeno oggi. Almeno il giorno della Festa della Repubblica, dove celebriamo il 2 giugno 1946. In quella fatidica data, gli italiani e le italiane hanno dato voce al loro diritto di voto per decidere sulla forma di governo dell’Italia. Assieme a ciò, esaltiamo i valori di quella che è la nostra Repubblica, fondata sul lavoro, sui principi di uguaglianza, eccetera, eccetera, eccetera. Non serve dilungarsi naturalmente, sono oramai principi ben assodati, dopo anni di dibattiti e lotte sociali. Continua a leggere

#JeSuisSergiò

Mettere dedizione e impegno in una qualsiasi attività o compito e vederlo andare in fumo è frustrante sotto ogni punto di vista ed è normale essere arrabbiati o delusi per il mancato riconoscimento del proprio lavoro.

Mettere dedizione e impegno in una qualsiasi attività o compito che potrebbe portare a conseguenze tremendamente deleterie per le condizioni di uno stato che detiene una delle economie più rilevanti all’interno dell’Unione Europea è plausibilmente un’ipotesi peggiore. Continua a leggere