Archivi tag: Mental health

We need to talk about suicide (but in the right way)

A friend of mine typed to me. She asked me if I had some material about suicide among students. Wished I could tell you that was due to curiosity, but it wasn’t. One of those things you never believe it’s going to happen to someone around you happened.

The 10th of September was the International Day for Suicide Prevention 2019. Talking about it is the best way to take part in it.

It’s been two years since I started to work on mental health and to use social media to talk about that. One of the things I experienced is that when you say you work on mental health, most of the time people wonder about it. Another thing I experienced is that when you talk about mental health, especially with young people, often you end up talking about suicide. One thing I realized, is that much more people we can guess truly feel like talking about it. Much more people want to talk about it. Much more people need to talk about it.

Let’s talk about it, then. Let’s start to get an overview of suicide.

According to the World Health Organization, every year about one million people commits suicide. The limitation of big numbers is that we don’t really feel them. We aren’t able to perceive them.

According to the World Health Organization, every day about three thousand people commit suicide. It’s probably more than the number of people you would be able to list as relatives, friends and acquaintances. Every day.

Worldwide, every 40 seconds, one person commits suicide. Since you started to read this article, a couple of people did. Before you will finish reading this article, a few more will be gone.

Suicide is the 10th cause of death in the USA, and it is the second or third cause of death among young people from most Western Countries. Moreover, for every completed suicide, we have about 20 attempts.

In the last 45 years, the suicide rate rose by 60%. The fact in the past suicide was often hidden due to cultural and religious reasons doesn’t explain this all.

Despite all this data, we can’t talk about suicide. We don’t talk about suicide.

In scientific literature, there are plenty of studies about what is called “Werther Effect”. The phenomenon took its name from the famous Goethe’s characters because, after the publication of his book, a rose in suicide was registered due to emulation.

Nevertheless, talking about suicide is not a problem. The real problem is talking about it like something spectacular. It is not a matter of contents, but it is definitely a matter of approach. Often people talk about suicide as a way to get rid of problems. After Robin Williams committed suicide, those from the Academy posted these words on Twitter:

“Now you are free.”

This is the problem.

Robin Williams is not free. He is dead.

He did not get free. He killed himself. And the difference is quite big.

“So, why if talking about it is fine, there is so much going on about Thirteen reasons why?”

Because it is exactly the same: make suicide spectacular is not the right way. It does not matter if the suicide is real or fictional. Celebrities like artists and fictional characters like those from movies and books are both taken as models by entire generations. It does not matter if the person exists or comes out from a script: words and behaviours from that person can deeply impact people, especially young people. Thirteen reasons why is about the suicide of a young high school teenager, and its impact on her acquaintances. A recently published study detected a rose by 28.9% in suicide among young Americans aged between 10 and 17 after the TV series was out. According to experts, the explanation can be found in the spectacular idea of suicide given by the TV series. In the last year, many Italian university students committed suicide. Many journals published articles about those facts well-describing all available details about the dynamic those students used to kill themselves. The World Health Organization published the guidelines to report news about this complicated topic.

1 – While giving info about suicide, always give info about suicide prevention (contacts, numbers, etc);

2 – Never spread around prejudice and myths about suicide;

3 – Never describe a place as “commonly use for suicide” and never give details about the place a person commit suicide, especially if the person was famous.

4 – Always write about how to handle suicidal thought and suicidal ideation, giving info about services for help-seeking;

5 – Never give excessive space and importance about news concerning suicide;

6 – Never use click-bait titles and never use the word suicide in the title;

6 – Never present suicide as an alternative to a problem, avoiding in any way to describe suicide as something spectacular;

7 – Never report explicitly the way used to commit suicide;

8 – Never share photos of the body, neither social media profiles of the person who suicided.

9 – Always use particular attention while talking about the suicide of a famous person;

10 – Always use particular attention while interviewing someone who knew or was somehow related to the person who suicided, because they are at higher risk to self-injure and suicide as well.

Talking about suicide in the wrong way may increase the risk of emulation. But we also know that talking correctly about it may have the opposite effect. A well-done report may become a tool to inform and raise awareness about suicide.

Informing about coping strategies to adverse life-events may protect from suicide. On the opposite side of the Werther’s Effect, we find the so-called “Papageno’s Effect”. The name finds its root in the Magic Flute of Mozart. After the loss of his beloved one, Papageno, close to killing himself, remembers alternatives and takes another path: he chooses life.

In a study published by King’s College in 2014, talking about suicide decreases suicidal ideation both among young people and adults. Asking people if they ever thought about suicide was associated with an improvement in mental health in the long term. These are the facts.

Admitting an experience with suicidal thoughts may be help-seeking. It may be a chance for dialogue, a chance for intervention.

Talking about it may be an effective strategy to free the person experiencing this from such a heavy burden. The problem is not when someone talks about suicide. The problem is when a person should but does not talk about it.

Talking about suicide may be the best thing we can do to avoid suicide to happen.

Fabio Porru

——————————————–

Painting: De-pre-ssion, Eva Charkiewicz (from The Perspective Project)

——————————————–

WHERE YOU CAN FIND HELP:

If you are in an emergency situation, call 118. If you or someone you know is experiencing suicidal thoughts

In the UK, Samaritans can be contacted on 116 123 or emailjo@samaritans.org. In the US, the National Suicide Prevention Lifeline is 1-800-273-8255. In Australia, the crisis support service Lifeline is 13 11 14. Other international suicide helplines can be found at http://www.befrienders.org.

In Italy, you can call “Telefono Amico” at 199 284 284 every day from 10:00 to 24:00, or Samaritans at 800 86 00 22, or 06 77208977 (from mobile phone) every day, from 13:00 to 22:00.

 


BIBLIOGRAPHY:

Mai parlare di suicidio (soprattutto se ne hai bisogno)

Ieri mi ha scritto un’amica. Mi ha chiesto del materiale sul suicidio tra gli studenti. Vorrei dirvi che lo ha fatto per pura curiosità, ma la verità è un’altra. Per parafrasare le sue parole, invece, è successa una di quelle cose che non pensiamo possano succedere a qualcuno che conosciamo. Ma che invece succede.

Ormai è da oltre un anno che utilizzo i social per parlare di salute mentale. Parlando di salute mentale, specie tra i giovani, si finisce necessariamente per l’arrivare, prima o poi, al trattare il tema del suicidio.

Qualche mese fa pubblicai su Facebook e Instagram una serie di post e sondaggi su questo tema. Non capita spesso che pianifichi gli argomenti che tratto. Di solito, qualcosa nel corso della giornata, lavorativa o personale, mi fulmina, e vado. Ma quando un tema è delicato, tendo a prendermi del tempo. Perché per trattare temi delicati, ci vuole la giusta delicatezza e la giusta competenza.
Ma quel giorno ero nervoso, e mi sono lanciato. Anzi, ho lanciato due sondaggi.
“Ti mette a disagio che una persona ti dica di aver pensato al suicidio?”
“Pensi che parlarne aumenti il rischio che altri possano farlo?”

Ero molto nervoso. E il motivo era che, facendo un giretto alla ricerca di progetti, mi misi a dar uno sguardo alla struttura di alcune delle miriadi di gruppi di sostegno per persone che se la vedono con disturbi mentali. Ce ne sono tanti.
Purtroppo.
Per fortuna.

Tempo fa ho creato un gruppo con quello stesso fine, e su questo gruppo decine di persone si son aperte, cercando e dando supporto. In quei giorni ho assistito a diversi momenti davvero emozionanti, e ho per questo deciso di cercare altre realtà virtuose come quella. Ho fatto domanda di accesso per alcuni gruppi su Facebook, per curiosarci un pochino e osservarne le dinamiche. Imparare qualcosa per migliorare la realtá di cui mi stavo occupando.

“Rispondi a queste domande e leggi le regole per aiutare gli amministratori a controllare la tua richiesta di iscrizione. Le tue risposte saranno visibili solo a loro.”

Che palle.
Ma ci sta.

Per la prima volta nella mia vita, ho davvero letto il regolamento prima di entrare in un gruppo.
Copio-incollo una delle regole che ho trovato su due diversi gruppi.

Primo gruppo:
“NON si parla di suicidio; non iscrivetevi a questo gruppo se avete intenzione di parlare o discutere di suicidio. Il post verrò eliminato e l’utente segnalato alle autorità competenti a fine di prevenzione. Quest’ultima operazione è un dovere da parte di tutti i membri che leggano post inerenti.”

Secondo gruppo:
“Nessun riferimento al suicidio.
Le allusioni al suicidio saranno eliminate e segnalate alle forze dell’ordine da qualsiasi utente del gruppo che ne verrà a conoscenza. Non abbiamo gli strumenti per gestirle in un gruppo facebook.”

Io non voglio fare il drammatico. Però…

Immaginate una persona nella sua ora più oscura.
Immaginate che stia pensando proprio a quello.
Che forse sarebbe meglio così.
Per tutti.
Che non ce la fa
davvero
più.

Immaginate che non avendo nessuno con cui parlare decida di confidarsi nell’unico posto dove negli ultimi mesi ha trovato comprensione.

Quel gruppo di supporto dove ogni giorno si confrontava con altri impegnati nella stessa lotta, altri colpiti dallo stesso male.

Immaginate che digiti tra le lacrime alcune parole forse per qualcuno troppo drammatiche ed eccessive, ma non ai suoi occhi.

Immaginate dopo l’invio finale, l’attesa di una notifica.
Immaginate la disperazione mista alla speranza.
E immaginate che aggiornando la pagina,
non riesca più a visualizzare il gruppo.
Non ne fa più parte.

Perché in quel gruppo, nato per ascoltarsi e supportarsi l’un l’altro nei momenti bui, non si può parlare del momento più buio.

Prima regola del gruppo di supporto: non parlare del momento in cui si ha più bisogno di supporto in assoluto.

“Fanno bene. Perché parlando di suicidio, il rischio è quello che a qualcuno venga in mente di farlo.”

Certo. Infatti una persona con depressione non ci penserebbe mai da solo ad una cosa del genere, nel caso. Aspettava voi. Abbiamo visto tutti quanti Harry Potter. Non dire il nome di Voldemort non ha mai significato che Voldemort sparisse, né che risparmiasse le sue vittime.

Suicidio.

Suicidio.

Suicidio.

È la seconda/terza causa di morte tra i giovani dei Paesi Occidentali, ma non se ne può parlare.

“E allora perché quando una star si suicida aumentano i suicidi?” (cit.)

Perché quella è una cosa diversa, legata spesso alle modalità con cui se ne parla più che al fatto in sé. È un fenomeno descritto in letteratura come “Effetto Werther”, così chiamato in quanto in seguito alla pubblicazione del libro “I dolori del Giovane Werther” seguì un brutto picco di suicidi in emulazione.

Non è parlar di suicidio, il problema.

Ma parlarne come se fosse un evento spettacolare. È la narrazione che viene costruita attorno al fatto, il problema. O addirittura parlarne come di una via di uscita dai problemi. In seguito al suicidio di Robin Williams, quelli dell’Academy pubblicarono un tweet che diceva così:

“Sei libero, genio”.

Questo è il problema.
Robin Williams è morto. Non libero.
Si è ucciso. Non si è liberato.

Qualche mese fa una studentessa di medicina ha tentato il suicidio. Sta girando su tutti i gruppi Facebook l’articolo in cui viene descritta la vicenda, con grande attenzione ai particolari della dinamica.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato le linee guida per i professionisti della comunicazione per guidarli nella trattazione di questo argomento complesso. Questa la traduzione dei 10 comandamenti:

1 – spiegare a lettori, ascoltatori e telespettatori le notizie riguardo a un suicidio di cui si parla dando anche delle informazioni sulla prevenzione del suicidio;

2 – non diffondere pregiudizi e leggende metropolitane sui suicidi e non descrivere certi luoghi come posti in cui è comune che le persone si uccidano, né dare molti dettagli sul luogo in cui una persona si è suicidata, specialmente se famosa;

3 – scrivere degli articoli su come si possono affrontare i pensieri suicidi e come si può chiedere aiuto;

4 – non dare eccessivo spazio e importanza alle notizie che riguardano i suicidi;

5 – non usare titoli sensazionalistici quando si parla di un suicidio e non usare l’espressione “suicidio” nel titolo;

6 – non normalizzare o romanticizzare il suicidio quando lo si descrive, non presentarlo come un’alternativa a un problema;

7 – non riportare in modo esplicito il modo in cui una persona si è suicidata;

8 – non diffondere foto o video che mostrano il corpo della persona che si è suicidata e non fornire link ai profili social della persona in questione;

9 – fare particolare attenzione quando si parla del suicidio di una persona famosa;

10 – fare particolare attenzione se si decide di intervistare una persona che conosceva la persona morta o che ne era parente perché queste persone possono essere a rischio di farsi del male a loro volta.

Parlare del suicidio, magari di una persona famosa, rischia di causare emulazione solo se lo si fa male. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, spiega che in realtà non solo parlarne in maniera appropriata possa non aumentare il rischio, ma possa addirittura ridurlo. Un report responsabile può diventare uno strumento per informare e sensibilizzare sul tema del suicidio e sulla sua prevenzione. Raccontare di strategie di coping a condizioni avverse può proteggere dal rischio di suicidio. È stato descritto un effetto protettivo del riportare sui media notizie di suicidio. Questo effetto è stato chiamato Effetto Papageno, richiamando al personaggio de Il flauto magico di Mozart che, vicino al suicidio in seguito alla perdita dell’amata, all’ultimo momento ricorda delle alternative a disposizione e decide di intraprendere una via alternativa. Sceglie la vita.

Uno studio inglese realizzato dal King’s College e pubblicato nel 2014 sostiene che parlare di suicidio, sia per gli adolescenti che per gli adulti, riduca l’ideazione suicidaria. Chiedere alle persone se hanno pensato al suicidio, sostengono gli autori, era associato ad un miglioramento della salute mentale sul lungo termine.

Questi sono i fatti.

Chi ha in mente il suicidio (che non va confuso con chi usa la minaccia di suicidio per fini di manipolazione) sta mandando una richiesta di aiuto, sta offrendo una possibilità di dialogo, una possibilità di intervento.

Parlarne talvolta può essere una grande liberazione per la persona.

Il problema col suicidio non è quando se ne parla.

Ma quando non se ne parla.

Parlarne è forse la cosa migliore che possiamo fare per evitarlo.

Fabio Porru

Dove chiedere aiuto:
Se sei in una situazione di emergenza, chiama il 118. Se tu o qualcuno che conosci ha dei pensieri suicidi, puoi chiamare il Telefono Amico allo 199 284 284 oppure via internet da qui, tutti i giorni dalle 10 alle 24.

Puoi anche chiamare i Samaritans (http://www.samaritansonlus.org/chi-siamo/) al numero verde gratuito 800 86 00 22 da telefono fisso o al 06 77208977 da cellulare, tutti i giorni dalle 13 alle 22.

————

f402e07a-5ff1-4e47-bc55-c417e69cfd0d

Illustrazione: Baratro, anonimo per il progetto “La mia illustrazione mentale” su In direzione ostinata e curiosa