Archivi tag: società

Andiamo a vivere insieme?

Una domenica di gennaio ci troviamo tutti dentro ad ArtaRuga, un co-working che si trova a Villanova a Cagliari. Per tutti i non cagliaritani, Villanova è uno dei quattro quartieri storici di Cagliari. Fatto di stradine in pendenza e casette massimo a due piani con le facciate a triangolo e generalmente colorate.

Continua a leggere

Linguaggio osceno: come la politica dell’odio mina la democrazia

1000px-Flag_of_the_United_Kingdom_(3-5).svg

 

 

 

Nel novembre 2015, quando gli europei stavano lottando con lo shock per gli attacchi terroristici islamisti nella capitale francese di Parigi, il Daily Mail, un giornale scandalistico inglese, pubblicò una vignetta in risposta agli eventi. Questa mostrava un gruppo di persone, la maggior parte delle quali chiaramente musulmane – come indicato dalle barbe degli uomini e dalle donne velate – che attraversavano il confine dell’Unione Europea. Un cartello promuoveva i confini aperti dell’UE e il libero passaggio delle persone. Ai piedi delle persone c’erano dei ratti che saltavano il confine all’ombra degli immigrati. La vignetta provocò indignazione, come era indubbiamente previsto: aveva connesso l’afflusso di centinaia di migliaia di rifugiati di guerra del Medio Oriente in Europa quell’estate con una crescente minaccia terrorista e messo sullo stesso piano alcuni di coloro che attraversavano il confine ai roditori. Forse l’artista aveva diretto tale paragone solo agli estremisti violenti, o forse no. In ogni caso, l’apparizione della vignetta calzava a pennello con un inquietante modello. Quell’aprile la controversa editorialista Katie Hopkins aveva pubblicato un pezzo d’opinione particolarmente estremo sul Sun riguardo l’argomento migranti. Parte di esso diceva:  Continua a leggere

Disability Pride, combattiamo le barriere (mentali)

Siamo nel 2018, tra bandiere arcobaleno e Flash Mob in piazza, anche questo week end l’Italia ha voluto ricordare quanto l’inclusione e la lotta alle disuguaglianze sia una tematica attuale ed importante.

Continua a leggere

La crisi della società moderna, partecipazione civica e beni comuni

L’individuo fragile del XXI secolo vive in un momento di profonda crisi dei partiti politici e della politica tradizionale. Questa crisi si riscontra sempre più nella partecipazione politica, basti pensare ai dati riportanti l’affluenza alle ultime elezioni politiche. Nei dibatti politici si respira sempre di più la constante competizione e ricerca per il consenso elettorale. Ma la disaffezione alle istituzioni e alla politica del XXI secolo è da classificare come un problema oppure semplicemente come un processo storico che sta portando la civiltà verso nuove forme di partecipazione collettiva e successivamente politica? Continua a leggere